Curiosità 
 
DECALOGO DA LENGUA ZENEISE  
 
Primmo: No t'aviæ atra lengua feua che a mæ.
Segondo: No tiâme a mëzo quande no l'e necessäio.
Terso: Arregordite de parlâme tutte e votte che ti peu.
Quarto: Onora o Greco e o Latin.
Quinto: No fâme do mä parlândome pezo.
Sesto: No sporcâme pe-o to piaxei.
Settimo: No piggiâ brutte parolle dall'Italian.
Ottavo: No di quello do quæ no t'e segùo.
Nöno: No dexiderâ parolle d'ätri.
Decimo: No me scrïve comme veu i ätri. Ma comme se deve.
 
 
################################ 
 
 
IL FAMOSO BASILICO GENOVESE ORA HA UN PARCO  
 
La zona di Genova Prà, luogo di origine del famoso basilico, ingrediente principale dell’altrettanto famoso pesto, ora ospita un parco tematico di grande interesse.  
Il basilico di Prà, che ha trovato in questo territorio le condizioni ambientali e climatiche ideali per un prodotto di incomparabile profumo e sapore, è assolutamente unico, come ben sanno tutti quelli che hanno provato a fare il pesto alla genovese con altre varietà di questa pianta aromatica (anche se il pesto resta buono lo stesso, pur se un filo meno rispetto all’originale!).  
Tra l’altro, inutile comprare una piantina in loco e farla crescere altrove, rapidamente cambierà aroma e gusto. Infatti, anche se la zona di Prà è da anni minacciata da un’urbanizzazione invasiva, alluvioni e snodi di importanti vie di comunicazione, ha conservato il ricco entroterra agricolo, con un’aria e un terreno particolari.  
Nel parco rientrano anche delle storiche ville patrizie, una delle quali sarà sede del parco stesso, spiagge e aree destinate a sport nautici.  
La delimitazione dell’area del parco è stata tracciata evidenziando la fascia di territorio più idonea alla coltivazione del basilico anche basandosi sulla documentazione catastale di fine Settecento, attraverso la quale si è anche scoperto quanto l’intreccio tra colture agricole di pregio e manifattura sia antico e tipico di questa zona.  
Per informazioni  
Apt 010-576791  
www.parco-basilico-provincia.genova.it  
 
################################ 
 
Consiglio e Curiosità sulla "Fugassa" (Focaccia) 
 
Consiglio 
 
The genovesi nearly ever make focaccia at home (in Italy of course), simply because it is better the one bought at the bakery; this in fact, is a major factor for the good outcome of the focaccia genovese, and the home ovens difficultly succeed to make up the optimal temperatures, which are rather high. When you put the focaccia into the oven, pay attention to keep the oven door open the least possible in order to avoid useless dispersions of heat.  
 
I genovesi non fanno quasi mai la focaccia in casa, semplicemente perché è più 
buona quella comprata al forno; quest'ultimo infatti, è un fattore molto importante 
per la buona riuscita della focaccia alla genovese, e i forni casalinghi difficilmente  
riescono a raggiungere le temperature ottimali, che sono piuttosto alte. 
Quando infornerete la focaccia, fate attenzione quindi a tenere aperto il meno 
possibile lo sportello del forno per evitare inutili dispersioni di calore.
 
 
Curiosità 
 
 
In order to taste the genovese focaccia there are true and proper rituals, one of which is to invite us to taste it turned upside down so that the taste buds meet the strong taste of the salt as a first thing, then the gentle one of the oil and, at last, the reassuring one of the dough. An all genovese way to eat the focaccia, and that often makes the non genovesi disgust, it is that to soak it in the caffèlatte… The true Genovesi, quite recognize the quality and the goodness of focaccia by tasting it this way. Try to taste it, and you will be pleasantly surprised!  
 
                
Per gustare la focaccia alla genovese esistono dei veri e propri riti, uno dei quali ci invita ad assaporarla rovesciata in modo che le papille gustative incontrino prima il sapore ardito del sale, poi quello gentile dell'olio e, infine, quello rassicurante della pasta. Un modo tutto genovese di mangiare la focaccia, e che spesso fa inorridire i non genovesi, è quella di inzupparla nel caffèlatte... 
I genovesi DOC, riconoscono addirittura la qualità e la bontà di una focaccia proprio gustandola in questo modo. 
Provate ad assaggiarla, e ne rimarrete piacevolmente colpiti!